SAMSUNG MAESTROS ACADEMY @ IED MILANO: APPROFONDIMENTI





Tramandare le grandi tradizioni artigiane e scoprire come innovarle grazie all’utilizzo delle tecnologie. Questo è Samsung Maestros Academy @IED, il nuovo corso di studi che s’inserisce nell’offerta formativa IED Milano per creare un nuovo baricentro professionale tra designer, artigiani e professionisti del web sharing and communication.


Quattro macro aree di studio: creatività, progettazione, tecnologie, tecniche e materiali.
Un corso che forma professionisti completi in grado di creare, sviluppare, gestire e comunicare un progetto attraverso i nuovi strumenti della digital fabrication.
Per dare slancio alla creatività degli artigiani di domani, offrendo una base solida sulla quale costruire il proprio futuro. Un corso che investe nella tradizione d’eccellenza del Made in Italy, nelletecnologie più avanzate e nel grande potenziale dei giovani talenti italiani.



L'artigiano digitale è una nuova figura professionale che sta emergendo con prepotenza sull'onda della nuova rivoluzione industriale basata sulla digital fabrication. Questa figura si pone nel perfetto baricentro tra il designer, l'artigiano e il professionista del web sharing and communication. Il corso promosso congiuntamente da Samsung e IED forma professionisti completi in grado di creare, sviluppare, gestire e comunicare un progetto artigianale attraverso nuovi strumenti della digital fabrication.


A chi si rivolgeIl corso Samsung Maestros Academy @IED si rivolge ai giovani talenti che intendono sviluppare progetti di artigianato contemporaneo capaci di competere nel mercato globale e di veicolare i valori del Made in italy.
Il corsoMade in Italy è sinonimo, nel mondo, di creatività, innovazione, qualità e ricercatezza, una storia di successo che affonda le sue radici nel Rinascimento.
La capacità, tutta italiana, di sviluppare prodotti per il mercato, coniugando sapere artigianale e creatività, costituisce un unicum nel panorama internazionale e oggi diventa un asset centrale per il rilancio del sistema Paese. Gli artigiani contemporanei italiani si rivolgono al mercato globale proponendo prodotti che coniugano visione, padronanza delle tecniche artigianali e tecnologia.
Samsung e IED, da sempre impegnati a sostenere innovazione, qualità e creatività, promuovono un corso semestrale dedicato all'artigianato, che si pone come incubatore per sviluppare idee progettuali di giovani progettisti artigiani.

  • AREA MATERIALI
    • Un prodotto non può prescindere dagli atomi. L'uso moderno e consapevole dei nuovi e dei vecchi materiali gioca un ruolo fondamentale in ogni progetto. Questa macro area si occuperà proprio dello studio, dell'analisi e della sperimentazione di alcuni tra i più importanti materiali tradizionali e innovativi, dal legno al vetro, dalle plastiche polimeriche ai materiali nanostrutturati.
      In quest'area verranno approfondite le conoscenze della chimica, della fisica, del mercato e dei costi dei materiali. In laboratorio o nelle officine verranno svolte prove per scoprire le caratteristiche chimico/fisica dei diversi materiali (prove di durezza/trazione, flessione, ecc) e come è possibile lavorarli. Gli studenti incontreranno ricercatori che lavorano sui materiali del futuro e artigiani che usano magistralmente materiali classici e più moderni. 
  • AREA TECNOLOGIE
    • Le macchine e gli utensili sono alla base di un buon progetto. In questa macro area disciplinare, si farà lo studio, l'analisi e l'uso delle tecnologie dell'artigianato tradizionale e di quello più tecnologico: dalle frese, ai laminatoi, dai trapani, ai pantografi, per poi passare in rassegna le tecnologie più moderne come le più moderne stampanti 3d (FDM e SLS), le laser cutter, le frese cnc, gli scanner 3d, i plotter da taglio e stampa. Naturalmente grande spazio verrà dato a tutti quei software di gestione delle macchine che sono indispensabili a progettare in modo nuovo. Oltre ai software prenderemo in analisi anche le community che li utilizzano e i vantaggi che si hanno nel farne parte (makers). Ampio spazio verrà anche lasciato alla progettazione di macchine personalizzate, grazie alle tecnologie di open hardware e open software, tipo arduino o rasperry pi. Per ogni tecnologia ci sarà una presentazione teorica da parte di un docente professionista di questa tecnologia, a cui seguiranno molte ore di sperimentazione e prove in laboratorio. 
  • AREE TECNICHE
    • Ci sono tecniche che è fondamentale conoscere per poter essere progettisti/artigiani contemporanei e consapevoli. Alcune tecniche sono molto antiche, come la tecnica della cera persa, la tecnica della lavorazione della pelle o del cuoio, quella della produzione dei pigmenti o dell'armatura dei cementi. Altre invece sono pi√π moderne, come quella legata al "reverse engineering" o della post produzione di modelli stampati 3d.
      Quest'area prenderà in esame le più importanti tecniche dell'artigianato contemporaneo, facendo incontrare agli studenti, in aula e in laboratorio, i maestri più bravi dei più svariati campi.  
  • AREA PROGETTAZIONE
    • "Tutto è progetto". In questa macro area si approfondirà la differenza tra un'idea e un progetto. Il progetto è un processo, è un cammino contorto e pieno di retroazioni di smarrimenti e di ripensamenti. Imparare a progettare è una cosa difficile: non basta avere l'idea, non basta sapere usare la tecnologia e le tecniche, si deve conoscere il pubblico a cui ci si riferisce, il modello di business che si vuole proporre, la società in cui si vive e le sue tante economie. Per questa area inviteremo progettisti importanti a portare la loro testimonianza e fare molti workshop in cui inviteremo gli studenti a sviluppare semplici progetti che però ripercorrano tutte le tappe fondamentali della progettazione.  
  • ALTRI TEMI TRATTATI
    • Altri possibili temi potrebbero essere: economia, storia, innovazione, marketing, ecc. Per l'economia, per esempio, parleremo di crowdfunding, di design distribuito (slow d) di filiera a km zero. Parleremo anche di modelli economici di scala e di storia delle rivoluzioni industriali. E poi perchè non parlare dei distretti e delle aree culturalmente più fertili come la Silicon Valley? Per la storia, invece, proporremo qualche ora sulla storia del rinascimento italiano: come erano le botteghe in cui Leonardo da Vinci operava? Non mancheranno incontri con professori di storia delle rivoluzioni industriali e storia dell'innovazione. Per la parte di comunicazione ci chiederemo che cosa sia lo story telling? Vendere oggi è anche vendere cultura di un marchio? Come comunicarla questa cultura e come costruirla? Questi sono alcuni dei temi che tratteremo in aula ma anche in laboratorio. Non mancheranno poi in questa macro area, di più ampio respiro, visite ai musei e altri luigi di cultura del progetto. La triennale, ad esempio, proprio quest‚Äôanno (2014), nella sua area permanente dedica una mostra all'autoproduzione.
  • PROGETTO STUDENTI
    • Molto tempo di questo corso verrà dedicato ai workshop e ai laboratori ma soprattutto allo sviluppo del progetto/prodotto degli studenti. In aula, cos√¨ come in laboratorio, gli esperti che si alterneranno nell'incontrare gli studenti, dopo i loro interventi frontali e i loro workshop, svolgeranno un'attività di mentoring e tutoring (consulenza) sui lavori e i progetti degli studenti. A partire da dicembre, dopo un primo mese un po' più di formazione, gli studenti partiranno con il loro progetto che dovranno concludere entro i primi giorni di aprile, per esporlo al salone del mobile. Per gli studenti, tutti gli incontri con i professori serviranno dunque ad arricchire e completare il proprio progetto che deve essere il vero filo rosso del corso.